PERSONAL INFORMATION

La mia foto
My name is Veronica, I'm a licensed tour guide of one of the most fascinating Regions of Italy. Campania. My job offers me the great and unique opportunity to share my love and passion to the italian heritage with everyone that is interested. I provide private tours, tailor made experience and unique excursions. The sights that I visite with my clients are the archeological sites of Pompeii Herculaneum and Oplontis, the incredible town of Naples with her milleniar history, the famouse AmalfiCoast and the shining Island of Capri. My real passion are the hidden treasures of my land, so if you are a looking for a "explore and live like a local" experience, I'm the right guide for you

giovedì 23 aprile 2020

ODE ALLA LETTERATURA GIORNATA INTERNAZIONALE DEL LIBRO


23 Aprile Giornata mondiale del Libro

Gli innamorati, le rose e i libri, cosa hanno in comune? Hanno in comune di darti qualcosa di immateriale e stupendo.
In realtà per scoprirlo bisogna andare in Catalogna dove il 23 aprile si festeggia il patrono, Sant Jordi.  A partire dal Medioevo, in tutta la regione gli uomini portano alle donne un fiore e ricevono in cambio un libro, una consuetudine nata dalla leggenda che vuole il santo “cavaliere” vincitore su un drago feroce, che mangiava belle ragazze. Oggi si è così diffusa che non sono solo gli innamorati a ricevere il regalo, ma lo si scambia tra famigliari e amici: è diventato un momento unico. Ed e per celebrare l'amore e la cultura, grazie al quale il giorno di Sant Jordi nel 1996 è stato dichiarato Giornata Internazionale del Libro. In questa stesa data sono morti due grandissimi della letteratura Shakespeare e Cervantes. Negli ultimi anni l’usanza si è diffusa in molti Paesi, anche in Italia.
Questa annata la festa è solo virtuale, con maratone di lettura e iniziative on line.
La Lettura rimane uno dei più forti antidoti all'isolamento culturale, il veicolo per evadere, la parentesi temporale che ti riempie la testa, il modo più chiaro di vedere se stessi.

Vi lascio con le più belle citazioni sulla Letteratura
A tutti un buon 23 Aprile e buona Lettura


Le più belle citazioni sulla lettura



«Sapeva leggere. Fu la scoperta più importante di tutta la sua vita. Sapeva leggere. Possedeva l’antidoto contro il terribile veleno della vecchiaia.»
Luis Sepúlveda

“Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l'infinito... perché la lettura è un'immortalità all'indietro.”
Umberto Eco

«Ogni lettore, quando legge, legge se stesso.»
Marcel Proust

«Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine.»
Virginia Woolf

«Fino al giorno in cui mi minacciarono di non lasciarmi più leggere, non seppi di amare la lettura: si ama, forse, il proprio respiro?»
Harper Lee

 «Questa è la parte più bella di tutta la letteratura: scoprire che i tuoi desideri sono desideri universali, che non sei solo o isolato da nessuno. Tu appartieni.»
Francis Scott Fitzgerald

«Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso.»
Daniel Pennac


«Sapeva leggere. Fu la scoperta più importante di tutta la sua vita. Sapeva leggere. Possedeva l’antidoto contro il terribile veleno della vecchiaia.»
Luis Sepúlveda



«Sapere che si ha qualcosa di bello da leggere prima di coricarsi è una delle sensazioni più piacevoli della vita.»

Vladimir Nabokov

martedì 7 aprile 2020

Giornata Mondiale della Salute, Il ruolo delle Terme nell'antichità


Oggi è la giornata mondiale della salute.

In questo periodo particolarissimo della nostra esistenza la salute è diventata in centro indiscusso dei nostri pensieri, ansie e preoccupazioni.

Da guida turistica, il mio pensiero va alle Terme, luogo d'incontro dell'antichità dedicato "anche" alla Salute.
Nell'antica città di Pompei ritroviamo tanti edifici termali. Edifici pubblici sia privati all'interno delle domus (es. praedia Giulia Felice, Casa del Menandro ). Fuori alle porte della città come le Terme Suburbane o in pieno centro nevralgico dell'urbe come le Terme Stabiane, passando per quelle del Foro e le Terme Centrali, fino a quelle del Sarno.
Sono sempre state un luogo importante per la vita sociale degli abitanti alle pendici del Vesuvio che lì adoravano passare molto tempo.
Le terme si frequentavano per motivi igienici e per sport, anche quindi per restare in salute, oltre che ovviamente per relax e fare vita pubblica.
Si pagava un ingresso per entrare non erano gratuite.
 C'era una divisione in sezione maschile e femminile, e la successione degli ambienti seguiva questo ordine: spogliatoio, sala con vasca fredda (frigidarium), sala con vasche calde (calidarium) e nel mezzo il tepidarium, a temperatura media.
Le sezioni maschili offrono anche un spazio ginnico separato, dove praticare sport prima di dedicarsi all'esperienza termale.
A Pompei ritroviamo elementi decorativi pregiatissimi, in particolare nelle Terme del Foro, sia negli arredi ancora visibili; come non rimanere entusiasta davanti alle panche di bronzo "pagate di tasca propria da Vaccus" o dal stupendo labrum in marmo con incisione in bronzo colato, sia nella decorazione pittorica spesso bidimensionale e in pregiatissimo stucco. Le Terme Stabiane offrono la possibilità di esplorare anche la sezione femminile, decorata abilmente che riporta nello spogliatoio ricco di nicchie dei interessantissimi graffiti, che adoro mostrare ai miei clienti, e raccontano molto bene come passavano il tempo gli antichi.
Accenno solo in modo esemplificativo ad altri edifici Termali, sia privati che pubblici che non potete non visitare.
Le terme private della Villa Oplontis c.d Villa di Poppea
Le terme della Iulia Felix primo hotel spa ante litteram
Le terme di Villa San Marco a Castellamare di Stabiae, altra villa extraurbana fantastica
Le Terme degli Scavi di Ercolano

Potremmo continuare all'infinito ma vi consiglio appena nuovamente possibile
 di visitare questi luoghi magici, di antica convivialità,  di mostra di se stessi, egocentrismo velato da scopo salutistico e propaganda politica.
Luoghi di estrema umanità, posti speciali che hanno la capacità di  annullare il tempo intercorso tra noi e gli antichi.

Spero di potervi riaccompagnare presto
Restate in Salute
Veronica

Aequam memento servare mentem.
Ricordati di mantenere la mente serena, Orazio

sabato 4 aprile 2020

Mai graffito antico così attuale

A sinistra dell'ingresso della domus di Giulio Polibio, lungo via dell'Abbondanza, venne alla luce il 25 febbraio del 1913, questo magnifico ma triste graffito poetico.


 NIHIL DURARE POTEST TEMPORE PERPETUO;
CUM BENE SOL NITUIT REDDITUR OCEANO,
DECRESCIT PHOEBE QUAE MODO PLENA FUIT
VENTORUM FERITAS SAEPE FIT AUREA LEVIS

Nulla può durare per sempre:
dopo aver ben brillato, il sole torna nell’Oceano,
decresce la luna che poco fa era piena,
la violenza dei venti spesso si muta in brezza leggere.

CIL IV, 9123

Molti oggetti, suppellettili, decorazioni e persino la ricostruzione dei volti mappati dai crani ritrovati si trovano esposti in una mostra nella Villa Imperiale